Archivio   
   CERCA  
  RIMINI
Ascolta la canzone Rimini
di F. Bejor

clicca qui
   CONTATTI
 NEWSLETTER

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
Inserisci i tuoi dati:


Informativa sulla Privacy
Accetto
  ATTIVITA' DI RENZI
  La sua Storia
  Fratelli d'Italia Rimini
  Renzi in Comune
  Renzi in Regione
  Rassegna Stampa
  I Nostri Volantini
  Altri Documenti
  Contatti
  Links
  RSS
  Home
  APPUNTAMENTI
Banchetti: IL LUNGOMARE CHE VOGLIAMO!
Sabato 28/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazza Tre Martiri
Domenica 29/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazzale Boscovich 
Archivio   
  FOCUS RSS

Caso Terremerse: "Errani finanzia Errani". Dopo il mio esposto, indagato per truffa il fratello del governatore!

Servizi per il Dirirtto alla Studio Universitario: la nuova Legge della Regione, un brutto pasticcio!

Cure odontoiatriche: una vera e propria telenovela tra la chiusura e l'ottusità della Regione e la nostra mozione
 Archivio   
  643 documenti trovati • pag. 1 di 65  
  Notizie RSS
   

Bookmark and Share
Giorno del Ricordo : una corona di alloro per il Giardino Vittime delle Foibe. Il Vice Sindaco Lisi condivide.
   

 8.02.2019

Domenica prossima, 10 Febbraio, si commemora il “ Giorno del Ricordo in memoria delle Vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata”, nell’anniversario del vergognoso Trattato di Pace (10.2.1947) che impose all’Italia di cedere alla Yugoslavia le terre d’Istria, Fiume, e parte della Dalmazia, dalle quali esodarono 350.000 italiani.

La Legge votata dal Parlamento il 30.3.2004 che istituisce il Giorno del Ricordo prevede iniziative da parte delle Istituzioni e nelle scuole per fare conoscere dopo 60 anni di silenzio, di negazionismo, di giustificazionismo, questa pagina tragica della nostra storia nazionale.

La verità nascosta sugli eccidi di circa 12.000 italiani tra l’autunno del 1943 e la primavera del 1947 attuati dai partigiani comunisti del maresciallo  Tito per eliminare  tutti coloro che si potevano opporre al disegno di annessione di quelle terre italiane alla Yugoslavia.

Le migliaia di italiani, colpevoli solo di essere tali, gettati nelle Foibe che da naturali inghiottitoi carsici si trasformarono in profonde fosse comuni.

L’Amministrazione Comunale tiene la commemorazione ufficiale del Giorno del Ricordo alla “ Biblioteca di Pietra” sul Molo di Rimini ma non ha mai deposto una corona d’alloro sulla targa del Giardino intitolato alle Vittime delle Foibe.

E’ stato sempre ignorato il Giardino Vittime delle Foibe, l’area verde dell’ex Piazzale Carso, contigua idealmente e territorialmente a Viale Trieste, Via Monfalcone, Via Pola, Via Fiume, Via Nazario Sauro, l’Eroe Medaglia d’Oro, Martire di Capodistria, la cui intitolazione fu approvata dal Consiglio Comunale il 25.11.2004, con l’ODG presentato dal sottoscritto.  

Per rispetto verso le Vittime delle Foibe, ho chiesto ieri sera con una interrogazione consigliare all’Amministrazione Comunale di deporre una corona di alloro sulla targa del Giardino Vittime delle Foibe che non può essere considerato un semplice segnale della toponomastica.

E’ un dovere morale della Amministrazione Comunale, a nome della Città di Rimini, onorare, senza riserve, le migliaia di italiani Martiri delle Foibe, per troppo tempo dimenticati

Apprezzo la risposta del Vice Sindaco Lisi che si è dichiarata completamente d’accordo.  

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Il Comune acquisti la Nuova Questura per “sbloccare la situazione” e realizzare la Cittadella della Sicurezza.
   

 30.01.2019

Dopo le dichiarazioni di Guerrino Mosconi ex liquidatore fallimentare della Nuova Questura  “se il Comune l’avesse acquistata, oggi la Polizia potrebbe già essere li”, ritengo utile rendere note le mie proposte in merito di Consigliere Comunale, allora  dopo  l’ultimazione dell’immobile e oggi.   

A cominciare dalla interrogazione del 13.5.2004 trasformata in Mozione discussa nel Consiglio Comunale del 22.7.2004 , respinta dalla maggioranza (DS, Margherita, Udeur, astenuto Lugaresi, a favore AN-FI) che all’Amministrazione Comunale chiedeva  testualmente di:

1)  “ valutare la prospettiva dell’eventuale esproprio per pubblica utilità dell’intero immobile realizzato , il cui valore accertato poteva essere pagato con la stipula di un apposito mutuo, le cui rate verranno sostenute mediante gli introiti derivanti dal canone di locazione”.

2)   “ accertare tramite appositi periti il costo effettivo sostenuto per la realizzazione dell’immobile in oggetto al fine di poter valutare una equa remunerazione del capitale investito e intervenire nella definizione della vertenza in atto che ha come oggetto proprio l’ammontare del canone di locazione ,tenuto conto che per immobili  con tale destinazione  il saggio medio di redditività corrisponde al 6,50%;”

3) “procedere, da subito, alla presa in possesso dell’intera struttura tramite l’occupazione d’urgenza della stessa, per il preminente interesse pubblico volto ad assicurare una idonea sistemazione alla Questura ed alle necessità intrinseche correlate al potenziamento estivo delle forze di Polizia di imminente arrivo a Rimini”    

L’intera operazione, dalla  approvazione il 5.8.98 del Piano Integrato di Intervento, alla Variante al PRG sull’intera area destinata a verde, alla stipula della  Convenzione attuativa il 23.4.99 tra Comune e  Dama Srl, la società privata realizzatrice, era stata giustificata solo al fine di poter conseguire un interesse pubblico rappresentato dalla costruzione della nuova sede della Questura e della Polizia Stradale  per una superficie utile di mq.23.732.

Proprio in funzione di questo interesse pubblico era stata concessa alla DAMA Srl la possibilità di edificare n.5 palazzine a destinazione residenziale (tot.Su mq.3.800) e un fabbricato a destinazione mista direzionale/ commerciale ( Su mq.11.000 ).

E’ noto a tutti che l’immobile costruito in tre anni dal 2000 al 2003 con la destinazione ad uso pubblico (Questura)  approvata in origine  non è  stato consegnato al Ministero dell’Interno   per il mancato accordo sul canone di locazione di oltre 3.600.000 euro annui .

Da rilevare, peraltro,  secondo lo stesso Ufficio Legale del Comune, che    nella  Convenzione sottoscritta tra Comune e la DAMA Srl  quanto scritto nelle premesse , ”lo scopo della presente convenzione è quello di regolamentare, fra l’altro, tempi e modalità di realizzazione dell’opera pubblica e della sua effettiva destinazione alle finalità istituzionali indicate “  poi non è stato ripreso dall’articolato della Convenzione.

E’ incredibile, ma l’Amministrazione Comunale non ha previsto nella Convenzione i  tempi e le modalità dell’effettiva destinazione della sede della Questura.

Al Comune è rimasto solo intimare alla Soc.Dama di  dare effettiva destinazione all’opera pubblica entro 120 gg. e   revocare le previsioni edificatorie di 14.800 mq tra a residenziale, commerciale , direzionale.

Il resto è la storia che dura da quindici anni,  di immobilismo, latitanza, omissioni, ritardi, responsabilità del privato e del pubblico, tra Amministrazione Comunale e Governi di tutti i colori, di passerelle  dei Ministri degli Interni e di annunci, come quello folle del pre Bando di costruire un’altra Questura su un terreno della Fiera.

In quanto al tanto enfatizzato Patto della Sicurezza sottoscritto il 15 Dicembre 2017 dal Ministro Minnitti, insieme al prefetto, Questore, Sindaci della Provincia, come era possibile prevedere di realizzare finalmente la Cittadella della Sicurezza entro il 2020 ( il prossimo anno !), invocando l’INAIL per l’acquisto dell’immobile da ristrutturare senza neanche sapere che questo Istituto, per rispetto del proprio Statuto,  in quelle condizioni non poteva farlo  e senza avere una alternativa.  

Così, come si poteva annunciare il trasferimento temporaneo della Questura in Piazzale Bornaccini senza neanche considerare la durata del contratto di locazione dell’immobile che sarebbe stata richiesta dalla proprietà per ammortizzare gli alti costi di ristrutturazione che ammonterebbero a  600-000 euro .

Invece di continuare nel rimpallo delle responsabilità  e della provvisorietà chiedo al Sindaco Gnassi se non sia  opportuno una riflessione della Amministrazione Comunale su una offerta di acquisto da presentare al Tribunale per il complesso immobiliare di via Ugo Bassi e di tutta l’area circostante, da ristrutturare, essendo costruito nonostante tutto con le caratteristiche e finalità per una idonea e definitiva sistemazione della Cittadella della Sicurezza, e da cedere in locazione al Ministero degli Interni con un accordo preliminare in mano, per rimborsare con l’affitto l’impegno finanziario .  

Come nel 2004, dopo la bocciatura dell’esproprio di pubblica utilità,  non vedo altre proposte praticabili per sbloccare la situazione e conseguire  quell’interesse pubblico mancato fino ad oggi.
                                                                       

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Rotatoria pericolosa e attraversamento impraticabile per i disabili tra Corso Giovanni XXIII -Via Roma .
   

 24.01.2019

La rotatoria “sperimentale” all’incrocio Corso Giovanni XXIII-Via Dei Mille-Via Roma  realizzata nel 2014 con una spesa di 21.000 euro si trova in condizioni precarie.

I cordoli in gomma di colore giallo delimitanti l’entrata e l’uscita della rotatoria risultano divelti in continuazione dalle auto e in particolare dagli autobus.

I marciapiedi in selci agli angoli della Via Roma di accesso all’attraversamento pedonale sono sconnessi, stretti, tortuosi per i pedoni e impraticabili per le carrozzelle dei disabili senza rispetto della normativa di abbattimento delle barriere architettoniche.

Le catenelle dei fittoni, angolo Via Roma-Corso Giovanni XXIII, lato centro storico, sono state strappate per consentire alle carrozzelle dei disabili l’attraversamento dell’incrocio.   

 E’ stata installata una “selva” di 22 pali della segnaletica verticale agli angoli dell’incrocio.

Gli autoveicoli sull’asse Via Roma-Via Dei Mille transitano nell’incrocio ad alta velocità, all’insegna del “ fila dritto” senza rispettare il “ dare  la precedenza” previsto nella rotatoria.

Ricordato che l’Amministrazione Comunale realizzò l’intervento nel 2014 considerandolo “ sperimentale e temporaneo”  in attesa di eseguirlo in maniera definitiva “ solo a conclusione della sperimentazione”, ho chiesto con l’interrogazione consigliare di giovedì scorso i seguenti interventi :

1)L’eliminazione dei cordoli di gomma assurdi che hanno ristretto ancora di più l’area di quella che non è “rotatoria” ma una semplice “coppa rotatoria” e ridotto gli spazi di manovra agli autoveicoli;

2)Il rifacimento e allargamento dei marciapiedi in selci agli angoli di Via Roma -Corso Giovanni XXIII sconnessi e stretti da decenni per renderli agevoli ai pedoni e praticabili ai disabili nell’attraversamento pedonale dell’incrocio  con  rispetto della normativa di abbattimento delle barriere architettoniche;

3)La realizzazione dei “dossi” di rallentamento prima degli attraversamenti pedonali dell’incrocio, in particolare sulla Via Roma e Via dei Mille, per limitare la velocità dei veicoli e prevenire gli incidenti;

4)La riduzione dei 22 pali della segnaletica verticale per l’attraversamento veicolare e pedonale dell’incrocio.

Ritengo necessario risolvere i problemi evidenziati dell’incrocio di Corso Giovanni XXIII che è una delle poche possibilità di percorrenza pedonale a marina -centro storico e viceversa e veicolare mare -monte   con la Via Roma-Via Dei Mille su cui transitano 20.000 veicoli al giorno che sta diventando la nuova Circonvallazione di attraversamento della città con l’aumento del traffico e dell’inquinamento ambientale.

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Bilancio del Comune : nel Piano degli Investimenti zero risorse e niente programmi per l’Anfiteatro romano e per l’ex Convento di San Francesco!
   

 22.12.2018

Nel Bilancio di Previsione del Comune di Rimini, approvato giovedi sera,  comprendente il Piano Programma degli Investimenti 2018-2020,  ho evidenziato nel silenzio generale la mancanza di qualsiasi programma sul trasferimento dell’Asilo Svizzero per la riscoperta dell’Anfiteatro romano e per il recupero  dell’ex Convento di San Francesco.

Anfiteatro romano.
Dopo la bocciatura il 18.2.2016 da parte del Sindaco Gnassi e della sua maggioranza della mia Mozione
che chiedeva di individuare l’area, di programmare i tempi di attuazione, di individuare il reperimento delle risorse finanziare per il trasferimento dell’Asilo Svizzero, ora, l’Amministrazione Comunale dinnanzi agli accertamenti dei padiglioni CEIS realizzati senza titolo, non potrà più defilarsi ma dovrà assumere  le proprie responsabilità e i relativi provvedimenti.

Finalmente si intravedono i risultati della mia venticinquennale battaglia consigliare per la liberazione e valorizzazione dell’Anfiteatro romano, su un’area demaniale e di interesse archeologico tutelata da vincoli fin dal 1913-14.

Una battaglia iniziata nel 1994 quando l’Anfiteatro era sconosciuto persino ai Consiglieri Comunali, con la prima interrogazione al Sindaco Chicchi per realizzare il percorso pedonale di accessibilità  all’Anfiteatro, proseguita con le interrogazioni al Sindaco Ravaioli per la rimozione dell’autolavaggio e del Distributore Esso antistanti. Ricordo la mozione approvata all’unanimità per la “ripresa della campagna di scavi  archeologici e per riportare alla luce la parte interrata dell’Anfiteatro romano”, rimasta senza seguito.  

Non regge più la contraddizione tra la difesa ad oltranza del ruolo pedagogico del CEIS in contrasto con la riscoperta di un Bene culturale dell’importanza storica dell’Anfiteatro romano.

Non è più possibile giustificare o legittimare le sovrastanti costruzioni ”provvisorie” da 70 anni e realizzate addirittura in cemento armato.
 
Ex Convento di San Francesco
Dopo l’interrogazione del 8 Febbraio scorso e la mozione in attesa di discussione, ho rinnovato la necessità del recupero dell’ex Convento di San Francesco,   dopo 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, che presenta ancora le rovine dei bombardamenti, in pieno centro storico, di fianco al Tempio Malatestiano.

A parte l’immagine di abbandono e degrado nel cuore del Centro Storico, è un’opportunità per la città, scoprire e valorizzare la storia del Convento di San Francesco risalente al 1257,  nel quale si insediò nel 1400 la prima Biblioteca pubblica d’Italia, per volontà della Famiglia Malatesta, da Carlo a Sigismondo, che  la arricchirono con moltissimi volumi, come testimonia Roberto Valturio.  

Va sottolineato che la Biblioteca dei Francescani e Malatesta (1400)   è la più antica Biblioteca pubblica d’Italia, a cui seguono l’.Ambrosiana di Milano (1609), l’Angelica di Roma(1614) e la Gambalunga di Rimini (1619).

Nel Convento di San Francesco, negli anni ’30, si inaugurarono  il Museo Archeologico e la Pinacoteca.

Dell’originario Convento francescano rimane la parte verso il mare, una parte del piano terra e al 1° piano il corridoio centrale e una doppia fila di celle ai lati.

Mentre la parte del Convento di proprietà della Curia è stata ricostruita negli anni 70, la restante parte di proprietà comunale è rimasta un rudere.

Nel 2006 era stata approvata una variante urbanistica per il recupero filologico dell’Ex Convento con destinazione a Biblioteca dell’Università, progetto poi abbandonato e perseguito nell’ambito della ricostruzione dell’ex Palazzo Lettimi.
 
Dinnanzi alla necessità di spazi della Biblioteca Gambalunga ho proposto di riprendere il progetto di recupero dell’ex Convento di San Francesco,  vicino e funzionale, con una superficie di mq.2260.

Con un intervento di restauro e ripristino tipologico si può ridare vita a quella che era la prima Biblioteca pubblica d’Italia, riqualificando un altro importante luogo della storia della città.    
                                                                       

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Dopo 7 anni dalla Convenzione è urgente la realizzazione del Parcheggio “Scarpettti”!.
   

 7.12.2018

L’inaugurazione del Teatro e i lavori di riqualificazione attorno a Castelsismondo e in Piazza Malatesta hanno ridotto di 450 i posti auto,  nei parcheggi di Piazza Malatesta (280), Rocca (80), Campone (90).

La Convenzione stipulata il 26.5.2011 tra il Comune di Rimini e la Parking Gest Srl prevedeva la realizzazione con la procedura del Project Financing su aree di proprietà comunale del Parcheggio di Via Italo Flori e del Parcheggio multipiano nell’area Scarpetti.

Il Parcheggio “Flori” è stato inaugurato nel febbraio 2014 con 245 posti auto (+72 rispetto ai precedenti 173) e con 109 box auto interrati da vendere ai privati.

Il Parcheggio multipiano “ Scarpetti”, ridotto nel 2013 da Arpa con la eliminazione dei due piani interrati a piano terra e primo piano,  di 433 posti auto (+ 146 rispetto ai 287 attuali) e 84 posti auto da vendere ai privati, dopo 7 anni  dalla firma della  Convenzione, non è ancora stato realizzato per la “controversia” in corso tra l’Amministrazione Comunale e la Parking Gest.

La causa è la mancata applicazione da parte del Comune, entro due anni dalla firma della Convenzione, del Piano della Sosta sulle strade adiacenti con i parcheggi a pagamento e i parcheggi agevolati per i residenti e titolari di attività economica della zona.

Una conseguenza della mancata “regolamentazione della sosta”, sarebbe il mancato versamento al Comune per rimborso spese e penali di circa 400.000 euro da parte del Concessionario per il danno economico subito dal funzionamento del Parcheggio “Flori” .

Difronte alla avvenuta riduzione di 450 posti auto nei Parcheggi di Piazza Malatesta e attorno a Castelsismondo, ieri sera con una interrogazione consigliare, ho chiesto di risolvere urgentemente la “controversia” tra  il Comune e la Parking Gest per realizzare il parcheggio  Scarpetti, “strategico” come collocazione insieme al “Flori”, per l’ingresso su Piazza Malatesta dalla Circonvallazione Occidentale.

Inoltre, è necessario che l’Amministrazione Comunale sottoponga alla approvazione del Consiglio Comunale il Piano della Sosta aggiornato rispetto a quello del 2009, per considerare particolarmente l’accessibilità al Centro Storico e consentire la sopravvivenza delle attività economiche in difficile competizione con gli iper proprio per la mancanza delle aree di sosta.

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Ho riproposto l’intitolazione del Campone di Castelsismondo al poeta Ezra Pound!
   

 5.12.2018

Nella Commissione Consiliare di questa mattina con l’esame delle aree da denominare, indicate dalla Commissione Toponomastica, ho rinnovato la mia proposta del 2015 di intitolare al Poeta Ezra Pound il Campone di Castel Sismondo che sarà prossimamente  destinato a verde con la riscoperta parziale del fossato.

Ritengo sia un atto di riconoscenza  della città verso Ezra Pound per il suo profondo rapporto culturale ed affettivo con Rimini quale ammiratore e studioso di Sigismondo Malatesta.

Pound, nato nel 1885 negli Stati Uniti, viene a Rimini, la prima volta, il 15 Maggio 1922 per approfondire la conoscenza storica di Sigismondo Malatesta, signore, condottiero e mecenate che chiama a Rimini i migliori artisti dell’epoca.

Rimane folgorato dal Tempio Malatestiano, in cui ammira la compenetrazione tra l’estetica cristiana e pagana.

Ritorna a Rimini il 23 Marzo 1923 per ulteriori ricerche bibliografiche sulla figura di Sigismondo Malatesta, le imprese militari, la vita di corte, gli amori, i complotti, i trionfi, le sconfitte, che diventeranno i riferimenti per i quattro Canti Malatestiani, l’VIII°,IX°,X°,XI°, dedicati al condottiero riminese.    

E’ sconvolto il 29 Gennaio 1944, quando le bombe distruggono il Tempio di Sigismondo, “letto arcano della divina Ixotta”, tanto da scagliarsi con una invettiva biblica contro i conterranei ”barbari” e compone l’ode a Guido Cavalcanti “sul sacrificio dell’eroina di Rimini”  che muore trascinando gli inglesi in un campo minato (Canti Pisani LXXII-LXXIV).


Per i suoi 120 radio discorsi tenuti tra il 21 Gennaio 1941 e il 25 Luglio 1943 per il programma “American Hour” di Radio Roma indirizzato agli ascoltatori di lingua Inglese, Pound fu imprigionato senza processo per 12 anni nel manicomio criminale di Saint Elizabeths (USA) fino al ritiro dell’accusa di alto tradimento della Corte Suprema e alla liberazione nel 1958.  

Le ricerche storiche nelle Biblioteche di Rimini, di Cesena e le visite nell’entroterra di Ezra Pound hanno “generato” 700 pagine di note e centinaia di riferimenti storici a personaggi ed eventi dell’epoca malatestiana che hanno reso possibile la conoscenza internazionale di Sigismondo Malatesta, del Tempio Malatestiano, delle terre malatestiane.   

Questa diffusa informazione, nella Rimini distrutta per il 90% dai bombardamenti, consentirà di ricostruire, subito, pietra su pietra, il Tempio Malatestiano con i 65.000 dollari della Fondazione americana Samuel Kress e il fattivo interessamento dello storico e critico d’arte Bernard Berenson.

Ezra Pound ritorna a Rimini nel “suo” Tempio ricostruito l’11 Settembre 1963 accompagnato dalla musicologa Olga Rudge per assistere alla inaugurazione della 14ma Sagra Malatestiana, salutato dal concittadino Luigi Pasquini, pittore e scrittore, con cui intratteneva una corrispondenza dal 1938.

Pound è il grande poeta del 900 con i CANTOS, la Divina Commedia per il nostro tempo, sostenitore dell’economia fondata sul lavoro e non sulla speculazione finanziaria, per il ruolo svolto nella letteratura con la scoperta di Eliot, Joyce, Hemingway, e con le correnti culturali dell’Imagismo e Vorticismo.

L’intitolazione a Pound del Campone di Castelsismondo,  che ho chiesto all’Ass.Montini, competente per la toponomastica, di portare in Giunta,   significherà un valore culturale aggiunto per Rimini.


    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Ancora da restaurare e valorizzare la statua di Giulio Cesare.
   

30-11.2018

Perdura lo stato di abbandono della statua di Giulio Cesare all’angolo di Piazza Tre Martiri –Corso d’Augusto, con le lamiere del basamento in rame completamente staccate e tenute insieme con pezzi di “scotch” sullo sfondo del bancomat di Unicredit e delle biciclette di contorno.

La statua fu collocata e inaugurata il 10 settembre del 1933 nel sito sottostante la Torre dell’Orologio di Piazza Giulio Cesare, dove rimase per 12 anni fino al 20 Giugno 1945 quando fu rimossa e sepolta nel greto del fiume Marecchia, e dopo 50 anni di peripezie riportata nella Piazza dove ora si trova.

Nonostante la discussione consigliare avvenuta un anno fa (30.11.2017) della Mozione presentata dal sottoscritto per la valorizzazione della statua non vi è stato alcun intervento della Amministrazione Comunale al riguardo.

Pertanto, con l’interrogazione consigliare di ieri sera,  ho sollecitato l’Amministrazione Comunale a :

1)    restaurare urgentemente il basamento di bronzo della statua di Giulio Cesare con le lamiere di bronzo distaccate che costituiscono anche un pericolo, per eliminare i ridicoli  e vistosi rattoppi con lo “ scotch”;

2)    “liberare” la statua di Giulio Cesare, ammirata e fotografata dai turisti, dallo sfondo del bancomat Unicredit e dalle biciclette di contorno;

3)    valorizzare la Statua di Giulio Cesare con la collocazione in un luogo più adeguato della Piazza, per evocare  che proprio qui, nell’allora Foro di Rimini, il 49 a.C., Giulio Cesare tenne il discorso ai suoi legionari, dopo aver varcato il Rubicone e pronunciato la storica frase “il dado è tratto” –alea iacta est” ( motto del gonfalone del Comune di Rimini  ) per marciare alla conquista di Roma e fondare l’Impero Romano;

4)    salvaguardare, inoltre, l’accessibilità e la visibilità dell’asola archeologica con la pavimentazione romana in Piazza Tre Martiri e in Via Novembre, dall’assedio irrispettoso delle biciclette e delle rastrelliere da collocare altrove e da incrementare.

    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Rispettare i tempi previsi dal Patto della Sicurezza per il trasferimento temporaneo e definitivo della Questura.
   

 23.11.2018

Il Patto per la Sicurezza sottoscritto il 15 dicembre 2017 dal Ministro Minnitti insieme al Prefetto, Questore e i Sindaci della Provincia,  per il trasferimento temporaneo della Questura in Piazzale Bornaccini, a cominciare dall’Ufficio Immigrazione entro il 28 Febbraio 2018 e poi di tutti gli altri uffici entro l’Autunno in corso, deve ancora essere attuato.

Anche l’impegno successivo del Sindaco Gnassi dinnanzi ai Sindacati di Polizia di consentire almeno il trasferimento prioritario dell’Ufficio Immigrazione da Via Bonsi a Piazzale Bornaccini entro il Maggio scorso, non ha avuto seguito.

Il trasferimento nell’immobile di Piazzale Bornaccini sarà possibile dopo averlo liberato dall’Ufficio del Centro per l’Impiego  da collocare nel Palazzo Palloni in Corso d’Augusto.

Sui mancati trasferimenti previsti ha risposto l’Ass. Sadegholvaad alla mia interrogazione consigliare di ieri sera.

Il trasloco del Centro dell’impiego nel Palazzo Palloni avverrà nella terza settimana di Gennaio 2019, dopo la conclusione dei lavori di ristrutturazione entro Natale,  affidati in ritardo nel mese di luglio causa due offerte anomale nella gara di appalto e  per la necessità del consolidamento di due solai.

Comunque ciò “non ha inciso sul trasferimento”, in quanto manca la disponibilità dell’immobile di Piazzale Bornaccini, in attesa della Dichiarazione di Congruità del prezzo di locazione da parte della Agenzia del Demanio.

Solo dopo il suo  rilascio e la sottoscrizione del contratto tra la proprietà e il Ministero dell’Interno, l’Amministrazione Comunale porterà in Consiglio Comunale il permesso di deroga per i lavori di adeguamento del Palazzo di Piazzale Bornaccini.

Riguardo all’immobile di  Via Ugo Bassi, ( sede della Nuova Questura) l’Ass. ha risposto che l’INAIL ha  presentato la proposta di acquisto al Curatore fallimentare, per ristrutturarlo ed affittarlo alla Polizia di Stato e Guardia di Finanza.  

Chiediamo al Sindaco, in sinergia con il Prefetto e il Questore, di fare rispettare i tempi previsti dal Patto della Sicurezza e realizzare finalmente la Cittadella della Sicurezza entro il 2020,  nell’immobile ultimato 15 anni orsono (2003) per porre fine ai disagi sopportati dagli uomini in divisa e  dai  cittadini.


    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
Case Popolari: prima i Riminesi con l’anzianità di residenza !
   

 9.11.2018

La modifica del Regolamento per l’assegnazione degli alloggi di proprietà comunale in locazione a “canone calmierato” ha rimesso al centro del dibattito il riconoscimento dell’anzianità di residenza per il quale mi batto da 10 anni.

Mi fa piacere che sia stato recepito il criterio dell’anzianità di residenza, come già avvenuto nel Regolamento ERP,  anche se in modo non del tutto soddisfacente, per tutelare i cittadini residenti da lungo periodo   nel nostro Comune rispetto coloro appena arrivati.  
 
E’ un minimo di riconoscenza a coloro che sono nati, hanno vissuto e lavorato in questa città, pagato le tasse, contribuito al suo sviluppo e a costituire proprio il patrimonio pubblico delle case popolari.

E non è giusto che vengano  scavalcati nelle graduatorie ERP o in quella degli alloggi a Canone Calmierato che parlano da sole.

Graduatorie ERP (edilizia Residenziale Pubblica)

1.315 domande  nel 2008 composte da 1.136 italiani (86%)  e 179 stranieri (14%);

1.553 domande nel 2018 composte da 971 italiani (63%)  e 562 stranieri (37%)

 Alloggi a canone calmierato :

 145 domande nel 2015 composte da 107 italiani (76%) e 33 stranieri (24%).

414 domande nel 2018  composte da 269 italiani (65%) e 145 stranieri (35%)

Gli alloggi a Canone Calmierato assegnati a tutt’oggi vedono questa composizione :

216   a  italiani   (65%)
115   a stranieri (35%)

L’ultima assegnazione dei 27 nuovi alloggi a “canone calmierato” di Via Toni (ex Macello) ha visto come beneficiari 19 richiedenti stranieri (70%) e solo 8 italiani.

Sottolineo che i richiedenti stranieri rappresentano il 12% della popolazione residente ma attualmente dispongono delle case dell’edilizia popolare pubblica nella misura del 35% con tendenza in forte aumento.

Per questo era necessario recepire il criterio dell’anzianità di residenza, approvato dalla Regione nel 2015 e già nel Regolamento ERP.

Anche se ho sostenuto l’attribuzione di un punteggio maggiore a quello stabilito di 7.300 punti, corrispondenti a 2 punti per ogni giorno di anzianità di residenza a partire dal 5° anno di iscrizione anagrafica nel Comune,  per non limitare il riconoscimento della residenza al massimo di  10 anni.

Certo dinnanzi al problema dell’emergenza abitativa non bastano le modifiche di buon senso al Regolamento per la gestione del patrimonio residenziale pubblico che va ampliato e potenziato rispetto ai 1.195 alloggi ERP con un turnover annuo di circa  50/60 alloggi e ai 318 alloggi a Canone Calmierato con un turnover annuo di circa 10 alloggi.

L’Amministrazione  Gnassi, dal suo insediamento nel 2011 ad oggi, si è limitata a “tagliare i nastri” per la consegna degli alloggi di Via Toni e Tomba Nuova, gli ultimi del programma edilizia residenziale “ 20.000 abitazioni in affitto” deliberato dalla Regione nel lontano 2003.

E nei Bilanci del Comune non si è visto un soldo né un progetto di alloggi pubblici per il presente ed il futuro.   


    Tags:

Leggi tutto   

   

Bookmark and Share
La condotta fognaria con il “microtunnelling”,invece dello “scavo a cielo aperto”, per salvare gli alberi dei Parchi Cervi, Bondi, Fabbri.
   

 6.11.2018

Ho sottolineato nella Commissione Consigliare di lunedi scorso il comportamento sbrigativo della Amministrazione Comunale che mentre si discuteva la  mia Mozione per realizzare la condotta fognaria con il “microtunnelling” all’interno dei Parchi Cervi, Bondi, Fabbri, per salvare 100  alberi dall’abbattimento, aveva già consegnato il cantiere per l’inizio lavori il 15 Ottobre scorso alla Cooperativa Braccianti Riminese.    

L’Assessore ha risposto che Il “procedimento va avanti”, senza neanche un minimo rispetto per il Consiglio Comunale.

Del resto, il Comune di Rimini nella Conferenza dei Servizi del 11.4.2017  aveva approvato il progetto definitivo di  Hera, respingendo le proposte della Provincia di modifica del tracciato, giustificandosi con le ripercussioni sul traffico delle strade adiacenti,  sulla fruibilità del percorso ciclo pedonale, sui significativi aumenti di costo per la presenza dei sottoservizi.

Sempre il Comune, tramite l’Ufficio Verde, il 26.3.2018,  aveva approvato  il progetto dell’abbattimento sicuro di 74 alberi, le verifiche di stabilità per altri 57 alberi, e  90 ripiantumazioni.  

Dopo la presentazione da luglio ad oggi di due interrogazioni consigliari e di una mozione consigliare da parte del sottoscritto,  le petizioni con migliaia di firme delle Associazioni ambientaliste nelle ultime settimane, l’Assessore, adesso, annuncia lo “spostamento marginale di pochi metri della condotta” e dichiara, alla  nostra domanda che non è necessario approvare ufficialmente la “ variante “ del nuovo tracciato sulle planimetrie .

Basta la Variante Orale “per bocca” dell’Assessore del tracciato della condotta per limitare l’abbattimento sicuro di 74 alberi, lasciando al tecnico Agronomo di valutare caso per caso la sopravvivenza degli altri  57 alberi a rischio durante i lavori di scavo vicino alle radici.   

Il “microtunnelling” è “ bocciato” anche se fino a ieri è stato propagandato per due anni dalla Amministrazione Comunale con grandi striscioni appesi sul cantiere della Via Roma, con il “pozzo di spinta “ profondo 20 m., il diametro del “tubone” di 180 cm., la lunghezza di 1.300 m.

Ora non è possibile utilizzare il “ Microtunnelling” per 400 m. sotto i parchi Cervi, Bondi, Fabbri con un pozzo di spinta di 10  m. scavato nell’attuale parcheggio, sottostante il ponte pedonale e spingere la condotta ad una quota di  6 metri di profondità..

L’Assessore cerca di mascherare la contraddizione, dopo i    “microtunnelling” sotto il Deviatore del Marecchia, la Via Roma, prossimamente sotto l’Ausa e la Statale 16, con gli “incerti” o minimi rischi “ dei “fanghi bentonitici”, a suo dire, sugli apparati radicali.

E’ stato pure riferito ai giornali anonimamente e senza fondamento che “ci sarebbero costi più alti di due milioni di euro optando per la tecnica del “microtunnelling”  invece dello scavo a cielo aperto”.

Una cosa è certa: lo scavo a cielo aperto, largo m.2,50, ad opera di un escavatore con un fronte di 4 m., comporterà sicuramente gli abbattimenti di molti alberi sovrastanti e nelle zone adiacenti, snaturando la fisionomia dei Parchi.

Mentre la soluzione proposta con ragione del “microtunneling” consentiva la realizzazione della condotta, compatibile con  la  salvaguardia di tutte le alberature esistenti e rispettava l’integrità dei Parchi.

    Tags:

Leggi tutto   

 
   BATTAGLIE DI RENZIRSS
Archivio  
  NOTIZIE RSS
Giorno del Ricordo : una corona di alloro per il Giardino Vittime delle Foibe. Il Vice Sindaco Lisi condivide.
Il Comune acquisti la Nuova Questura per “sbloccare la situazione” e realizzare la Cittadella della Sicurezza.
Rotatoria pericolosa e attraversamento impraticabile per i disabili tra Corso Giovanni XXIII -Via Roma .
Bilancio del Comune : nel Piano degli Investimenti zero risorse e niente programmi per l’Anfiteatro romano e per l’ex Convento di San Francesco!
Dopo 7 anni dalla Convenzione è urgente la realizzazione del Parcheggio “Scarpettti”!.
Archivio  
  IL BLOG DI RENZI
Archivio  
   FOTO GALLERY
Archivio  
Privacy   Cookies
©copyright Gioenzo Renzi 2008