Archivio   
   CERCA  
  RIMINI
Ascolta la canzone Rimini
di F. Bejor

clicca qui
   CONTATTI
 NEWSLETTER

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
Inserisci i tuoi dati:


Informativa sulla Privacy
Accetto
  ATTIVITA' DI RENZI
  La sua Storia
  Fratelli d'Italia Rimini
  Renzi in Comune
  Renzi in Regione
  Rassegna Stampa
  I Nostri Volantini
  Altri Documenti
  Contatti
  Links
  RSS
  Home
  APPUNTAMENTI
Banchetti: IL LUNGOMARE CHE VOGLIAMO!
Sabato 28/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazza Tre Martiri
Domenica 29/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazzale Boscovich 
Archivio   
  FOCUS RSS

Caso Terremerse: "Errani finanzia Errani". Dopo il mio esposto, indagato per truffa il fratello del governatore!

Servizi per il Dirirtto alla Studio Universitario: la nuova Legge della Regione, un brutto pasticcio!

Cure odontoiatriche: una vera e propria telenovela tra la chiusura e l'ottusità della Regione e la nostra mozione
 Archivio   
  documenti trovati • pag. di 0  
  Notizie RSS
   
 

L’ordinanza “temporanea e limitata” del Sindaco per contrastare il consumo dell’alcol sul suolo pubblico è un provvedimento insufficiente.
 
 

 19.9.2020

L’ordinanza del Sindaco per contrastare il consumo di alcol sul suolo pubblico, temporaneamente, dal   10 ottobre al 31 maggio e limitatamente ad un perimetro del Centro Storico, è un provvedimento  insufficiente.

Il contrasto al consumo dell’alcol sul suolo pubblico non può ridursi ad alcuni mesi dell’anno,  né può essere circoscritto all’interno di una parte del Centro Storico, delimitata da alcune vie, trascurando il restante territorio comunale.

Bisogna contrastare “sempre e ovunque” il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione sul suolo pubblico,  di vie, piazze, marciapiedi, aree mercatali, parcheggi, aree verdi, nei pressi di supermercati o minimarket che vendono tali bevande.

Le occupazioni del suolo pubblico da parte di persone con il bicchiere o le   bottiglie in mano che bivaccano, nuociono al decoro e alla vivibilità urbana: creano disagi ai cittadini, causano problemi di ordine pubblico e sicurezza, disturbo della quiete, danneggiamenti, imbrattamenti e l’abbandono a terra dei contenitori di vetro, latta o plastica.

Mentre in diversi luoghi pubblici della città  avviene tutto ciò, il vigente Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Rimini, all’art.3, si limita a vietare solo il consumo dei superalcolici (oltre 21 gradi) sul suolo pubblico, consentendo le altre bevande alcoliche.   

Per questo, oltre 2 anni fa,  ho presentato,  il 24.5.2018, la Mozione consigliare di modifica al Regolamento di Polizia Urbana, discussa in Commissione il 12.9.2018, che attualmente vieta solo il consumo dei superalcolici (oltre i 21 gradi), con i seguenti emendamenti :

1)    E’ vietato consumare bevande di qualsiasi gradazione alcolica sul suolo pubblico, se non nelle pertinenze di bar, locali, luoghi di somministrazione, o aree pubbliche autorizzate da parte della Amministrazione Comunale (Sanzione da euro 100 a euro 600);

2)    Il consumo di bevande alcoliche sul suolo pubblico potrà essere autorizzato, in deroga, solo in occasione di iniziative e manifestazioni particolari di interesse collettivo, individuate dalla Giunta Comunale, sempre nel rispetto della vivibilità degli spazi pubblici e del consumo responsabile.

Invece di ricorrere per la terza volta a “Ordinanze temporanee e limitate”, che non possono essere definite “contingibili e urgenti”, dinnanzi a situazioni persistenti; è necessario, modificare “coerentemente” il Regolamento di Polizia Urbana per vietare nell’intero Comune di Rimini il consumo delle bevande alcoliche di qualsiasi gradazione sul suolo pubblico, che è Regola adottata nei paesi del Nord Europa e sempre più nelle città italiane.

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

L’Amministrazione Comunale deve fare la sua parte per rendere accogliente la porta d’ingresso della Stazione
 
 

 9.9.2020

Ieri il Sindaco ha inaugurato, con la foto e il taglio del nastro,  il nuovo Piazzale della Stazione, realizzato e pagato 1,5 milioni di euro dalle Ferrovie dello Stato.

Le Ferrovie dello Stato, sempre a proprie spese, hanno anche ampliato il parcheggio “Metroprak” da 183 posti auto a 335, con previsione a 478, ed   entro l’autunno dovrebbero avviare i lavori di “sfondamento” del sottopasso centrale della Stazione verso il mare e ristrutturare il sottopassaggio del Grattacielo, con l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Da evidenziare che il Sindaco Gnassi nella sua “orazione” inaugurale non si è certo intrattenuto nei riconoscimenti per il soggetto attuatore delle opere, anzi, ha attaccato i vertici delle Ferrovie per i lavori da concludere entro il prossimo maggio, in vista della scadenza elettorale.

Di conseguenza, quale Consigliere Comunale sollecito per “coerenza”  il Sindaco   ad effettuare gli interventi di competenza del Comune, specifici per l’area della Stazione, chiesti ripetutamente in Consiglio Comunale ma rimasti senza risposta.  

A cominciare dall’ultima richiesta caduta nel vuoto:  l’istituzione di un Presidio mobile della Polizia Locale davanti la Stazione, sul nuovo Piazzale, lungo i marciapiedi a destra e sinistra di Viale Cesare Battisti, al parcheggio Metropark, per garantire il rispetto della legalità e sicurezza.

Infatti, permane nell’area della Stazione, la presenza di balordi, ubriachi, malavitosi, spacciatori, con comportamenti “fuori dalle regole”, che  creano una situazione di indecenza e insicurezza, per le migliaia di cittadini e turisti che ogni giorno usufruiscono della Stazione, del trasporto pubblico, del servizio taxi, dei parcheggi.

Scomparsa ogni vigilanza, Il Presidio della Polizia Locale può fare rispettare il Regolamento di Polizia Urbana riguardo i comportamenti vietati su un luogo pubblico e l’Ordinanza del Sindaco sul divieto di consumo di alcolici, previsto proprio davanti la Stazione.

Al riguardo, anche le Associazioni di volontariato che intervengono sul Piazzale della Stazione per l’assistenza alle cosiddette “marginalità sociali” devono educare alla responsabilità.

Oltre la sicurezza, l’Amministrazione Comunale deve sostenere la qualità ambientale: la pavimentazione del piazzale, appena ultimata, non può essere imbrattata dalle bevande o altro a ridosso delle banchine, occorre che sia pulita e curata quotidianamente da Hera e Anthea.   

Le “barriere stradali” mobili, collocate da mesi davanti al Piazzale, siano finalmente rimosse, con l’esecuzione dei lavori, ripetutamente annunciati, di definizione delle corsie stradali per il trasporto pubblico e privato, per agevolare l’accessibilità e transitabilità davanti la Stazione.   

Le rastrelliere per le bici collocate senza rispetto sull’aiuola verde spartitraffico di Via Dante, di fianco ai taxi, siano trasferite nell’area a ridosso del Bike Park.

Il prefabbricato della Cooperativa Taxisti, dopo tanti traslochi, sia sistemato definitivamente in un luogo funzionale per l’attività lavorativa e per l’accesso dei clienti.

Dopo la demolizione dell’ex Kebab di Viale C. Battisti, invocata per 10 anni,  è rimasto l’abbandono e il degrado, un brutta immagine a 50 metri dall’ingresso della Stazione, invece di cogliere l’opportunità di  riqualificare e valorizzare l’area verde dei Giardini della Stazione,  con i seguenti interventi:       

*La cura degli alberi, necessaria per i 90 platani del Viale della Stazione, del prato e delle aiuole;     

 •    Il rifacimento della pavimentazione dei marciapiedi di Viale C. Battisti, con asfalto datato e rattoppato;  

•    La valorizzazione della Fontana storica, risalente al 1927, quasi sempre senz’acqua, ridotta a contenitore di fogliame e rifiuti;
•    L’eliminazione della vasca d’acqua rettangolare, utilizzata come servizio igienico dagli “irregolari”;
•     L’installazione di giochi per i bambini.

All’Amministrazione Comunale, oltre che alle Ferrovie dello Stato, spetta  di fare la parte di competenza per rigenerare l’area strategica della Stazione, rendendola una Porta d’Ingresso accogliente nella nostra città.    

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

Chiediamo la riqualificazione identitaria di Piazza Malatesta !
 
 

 2.9.2020

I ritrovamenti nel cantiere di Piazza Malatesta per la realizzazione del Museo Fellini, nell’area tra Castel Sismondo e Teatro, riguardanti l’”antemurale” o “controscarpa” del “fossato” (la prima linea difensiva del Castello), da noi annunciati dinnanzi al silenzio dell’Amministrazione Comunale, sono stati seguiti dall’emersione di altre testimonianze archeologiche.

Abbiamo chiesto, con l’interrogazione consigliare del 15 luglio scorso al Sindaco, la revisione radicale del progetto esecutivo “Museo Fellini” di riqualificazione di Piazza Malatesta, per il rispetto della Storia della Piazza e della Città.

L’Amministrazione Comunale, ha aspettato fino a pochi giorni orsono, per limitarsi ad annunciare pubblicamente che i reperti emersi saranno sottoposti ai necessari approfondimenti, insieme alla Soprintendenza, questa settimana.  

Nel frattempo, l’Assessore alla Cultura, con la risposta scritta, ci conferma:

1.    la realizzazione, nello spazio tra il Castello e il Teatro, di un’ampia fontana, di circa 1000 mq. con una lama d’acqua e vaporizzatori per creare artificiali atmosfere felliniane, come il passaggio del Rex.

2.    Il vano tecnico della fontana verrà collocato ad una profondità di 4 metri nell’area del “fossato” di Castel Sismondo, perché, secondo l’Assessore, “è la zona in cui sarà più improbabile trovare strutture archeologiche, trattandosi di riempimento piuttosto recente e di un’area già indagata”.

L’Assessore, ci informa che il progetto ha ottenuto in data 18/02/2020 il parere favorevole della Soprintendenza Archeologica, ma non riferisce che la stessa Soprintendenza ha chiesto una serie di verifiche  archeologiche, così definite:

•    “in corrispondenza del vano tecnico della fontana nel fossato della Rocca sarà necessario verificare la presenza di strutture archeologiche, in quanto si ritiene possibile che le attività in progetto intercettino i “battiponte” di accesso alla Rocca”.

Infatti, diversamente da quanto ipotizzato dall’Assessore, la Soprintendenza Archeologica, il 19.6.2020 rileva:

•    ”Il sondaggio eseguito, ha evidenziato la presenza di strutture archeologiche, in corrispondenza della predisposizione del vano tecnico della fontana nel fossato.

•    Di conseguenza, sarà necessario ampliare e approfondire l’indagine archeologica in modo da individuare congiuntamente una soluzione progettuale che possa tutelare e conservare le strutture archeologiche individuate, sia relativamente alla predisposizione del vano, sia per le relative condutture”.

Dinnanzi all’incertezza della Soprintendenza, ribadiamo con chiarezza, quanto sostenuto in Consiglio Comunale:

Vista l’esistenza del Vincolo Archeologico del 29/10/1991, apposto sull’area della Rocca Malatestiana che comprende anche il “fossato”, è del tutto incompatibile la costruzione della fontana e del vano tecnico interrato nell’area tutelata e inedificabile del “fossato”.    

Il Sindaco Gnassi e la Giunta Comunale, quando il 12.3.2020 hanno approvato il progetto definitivo-esecutivo “Museo Fellini - IV Stralcio - II Lotto - Riqualificazione di Piazza Malatesta”, non sapevano che i lavori interessavano l’area a più alta potenzialità archeologica della città?

Non hanno tenuto in considerazione, che Piazza Malatesta è sottoposta:

- al Vincolo Archeologico del 29/10/1991 sull’area della Rocca Malatestiana;

- al Vincolo di inedificabilità assoluta del 14 Marzo 2015, per assicurare la visibilità del Castello;

- alle Norme del Piano Strutturale Comunale per cui le nuove superfici, gli arredi, e più in generale il disegno della Piazza devono tenere in considerazione le risultanze delle indagini archeologiche.

E’ grazie all’insieme di questi vincoli e tutele, che le presenze archeologiche, storiche, diffuse su tutta la Piazza, a neanche mezzo metro dalla superficie, emerse dopo molti secoli, devono essere rispettate nell’esecuzione degli interventi, conservate e valorizzate.

Sarebbe opportuno informare con trasparenza i cittadini, rendendo i reperti visibili, apportando le conseguenti modifiche ai progetti, e mettere in risalto Piazza Malatesta quale area archeologica.

Quello che chiediamo responsabilmente è di riscoprire di più e valorizzare la storia millenaria di Piazza Malatesta, non di ricoprire tutto quanto rinvenuto, per realizzare velocemente la piazza delle “ambientazioni felliniane”.

Non sono necessarie tali realizzazioni, dopo la Cineteca di Fellini al Fulgor e la “riduzione” di Castel Sismondo a “contenitore” del Museo Fellini.    

Perduta l’occasione storica del recupero del “fossato”, che avrebbe fatto riemergere dagli interramenti di 5-6 metri, l’imponente Castel Sismondo progettato dal Brunelleschi, attraendo l’attenzione internazionale, non perdiamo, questa volta, l’opportunità della riqualificazione profonda e identitaria di Piazza Malatesta.   


 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

La caduta degli alberi non è solo colpa del vento!
 
 

 31.8.2020

La caduta degli alberi o dei loro rami sulle strade, marciapiedi, auto, come avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsa  è causata non solo dalle raffiche di vento ma anche dallo stato di precarietà e di trascuratezza delle piante.

La conferma, fra tanti crolli annunciati, è il grosso ramo del platano schiantatosi sul marciapiede di viale Cesare Battisti.

Non c’è bisogno di essere un arboricoltore, basta guardare il platano e constatare le sue cattive condizioni di salute con i lunghi e pesanti rami sorretti precariamente dal tronco tra buchi,  marciume, malattie e precedenti lesioni.

Sono almeno  30 i platani sul centinaio del   Viale della Stazione che  “vegetano” in queste condizioni senza cure e controlli.  

Sono anni che in Consiglio Comunale interrogo ripetutamente l’ Amministrazione Comunale e in particolare l’Assessore all’Ambiente per chiedere  la cura degli alberi in quello che era il Giardino della Stazione, all’ingresso di Rimini, abbandonato al degrado.

Nessuno interesse,  o intervento della Amministrazione Comunale.  

ll braccio destro di Anthea, come sempre avviene, si  limita  a portare via l’ingombrante ramo caduto a terra, senza pensare alle  possibili cure degli alberi danneggiati.  

Per l’Amministrazione Comunale è sempre colpa del vento !

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

La rotatoria Viale Valturio-Via Marecchiese non deve penalizzare i residenti di via De’ Suriani.
 
 

 18.08.2020

Sono in corso di ultimazione le rifiniture estetiche alla nuova rotatoria sulle vie Marecchiese- Valturio-Montefeltro.

Per la cronaca ricordo di aver proposto con l’interrogazione consigliare del 26.7.2018 la realizzazione della “rotatoria” per evitare la deviazione “innaturale” su Viale Valturio del traffico veicolare proveniente dalla Via Montefeltro e diretto sulla Via Marecchiese.

Mi ero fatto portavoce dei residenti e titolari di attività della Via Montefeltro, condividendo l’eliminazione di uno spartitraffico realizzato “senza buonsenso”, che veniva spesso “sorpassato” irregolarmente e pericolosamente da cicli, moto, auto, per immettersi direttamente sulla Via Marecchiese, evitando  l’allungamento del percorso e l’intasamento del traffico su Viale Valturio.  

La risposta dell’Ass. Frisoni conveniva sulla proposta della rotonda per consentire la fluidificazione del traffico nella zona, sulla necessità di migliorare la sicurezza della circolazione, e in particolare sull’esigenza di garantire l’accessibilità a Via De’ Suriani, strada senza uscita , che si trova a ridosso della rotatoria.

Le modalità di realizzazione della rotatoria, però, non hanno visto   soddisfatte tutte le esigenze espresse e rispettate le promesse da parte della Amministrazione Comunale.  

Infatti, i veicoli provenienti da Viale Valturio verso monte, non possono più immettersi direttamente in Via De’ Suriani ma sono costretti a lunghe “deviazioni”:

1)     Da Viale Valturio, devono  immettersi su Via Marecchiese fino alla rotonda Caduti di Marzabotto, da aggirare e ripercorrere  in senso inverso fino alla svolta su Via De’ Suriani;

2)    In alternativa, devono aggirare la nuova rotonda, verso Via Montefeltro, svoltare  in via Bilancioni, poi via Di Mezzo, fino a Via Caduti di Marzabotto, o alle vie laterali per raggiungere via Marecchiese e Via De’ Suriani.

Da considerare che i veicoli provenienti da Viale Valturio, aggirando la nuova rotatoria verso via Montefeltro-Borgo Mazzini, comportano la  “fermata temporanea” dei veicoli da Via Marecchiese.

Come la “sola uscita” consentita dei veicoli da  via De’ Suriani, comporta la stessa “fermata temporanea” dei veicoli da Via Marecchiese.

Pertanto, si può consentire ai veicoli che percorrono Viale Valturio verso monte, l’immissione diretta su Via De’ Suriani, sempre, con la “fermata temporanea” dei veicoli da Via Marecchiese.

Per rispetto dei residenti in Via De’ Suriani, una strada già senza via d’uscita, che con la realizzazione   della rotatoria hanno visto peggiorata l’accessibilità alle loro abitazioni.   

Chiedo pertanto all’Amministrazione Comunale le necessarie modifiche alla nuova rotatoria, voluta nell’interesse di tutti, a cominciare dalla riduzione dell’invadente spartitraffico, per eliminare le  nuove “deviazioni”  ed i disagi creati ai cittadini di via De’ Suriani.
                                             

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
 
   BATTAGLIE DI RENZIRSS
Archivio  
  NOTIZIE RSS
L’ordinanza “temporanea e limitata” del Sindaco per contrastare il consumo dell’alcol sul suolo pubblico è un provvedimento insufficiente.
L’Amministrazione Comunale deve fare la sua parte per rendere accogliente la porta d’ingresso della Stazione
Chiediamo la riqualificazione identitaria di Piazza Malatesta !
La caduta degli alberi non è solo colpa del vento!
La rotatoria Viale Valturio-Via Marecchiese non deve penalizzare i residenti di via De’ Suriani.
Archivio  
  IL BLOG DI RENZI
Archivio  
   FOTO GALLERY
Archivio  
Privacy   Cookies
©copyright Gioenzo Renzi 2008