Archivio   
   CERCA  
  RIMINI
Ascolta la canzone Rimini
di F. Bejor

clicca qui
   CONTATTI
 NEWSLETTER

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
Inserisci i tuoi dati:


Informativa sulla Privacy
Accetto
  ATTIVITA' DI RENZI
  La sua Storia
  Fratelli d'Italia Rimini
  Renzi in Comune
  Renzi in Regione
  Rassegna Stampa
  I Nostri Volantini
  Altri Documenti
  Contatti
  Links
  RSS
  Home
  APPUNTAMENTI
Banchetti: IL LUNGOMARE CHE VOGLIAMO!
Sabato 28/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazza Tre Martiri
Domenica 29/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazzale Boscovich 
Archivio   
  FOCUS RSS

Caso Terremerse: "Errani finanzia Errani". Dopo il mio esposto, indagato per truffa il fratello del governatore!

Servizi per il Dirirtto alla Studio Universitario: la nuova Legge della Regione, un brutto pasticcio!

Cure odontoiatriche: una vera e propria telenovela tra la chiusura e l'ottusità della Regione e la nostra mozione
 Archivio   
  documenti trovati • pag. di 0  
  Notizie RSS
   
 

Via Garibaldi: dalle “transenne” permanenti alla rimozione del degrado!
 
 

 17.07.2018

Il mese scorso avevo chiesto con una interrogazione consigliare al Sindaco di rimuovere la situazione di degrado e pericolosità dei due edifici di Via Garibaldi, ai numeri civici 59 e 50-52, con il rischio di caduta sulla strada pubblica di cornicioni, davanzali, intonaci, e inabitabili per le condizioni  fatiscenti,  diventati l’habitat di colonie di ratti e piccioni.

La risposta scritta dell’Amministrazione Comunale è stata quella di avere effettuato alcuni interventi nel  2013 e 2014 di bonifica e messa in sicurezza interna dell’edificio al numero 59 con una spesa di 14.694 euro per la quale si è proceduto inutilmente alla riscossione coattiva.

Nei quattro anni successivi, dal 2014 ad oggi, l’intervento del Comune si è ridotto alle sei transenne, a salvaguardia dei passanti, collocate davanti agli edifici ai  civici 59 e 50-52 di Via Garibaldi angolo Via Bertola,  con il restringimento della Via Garibaldi e le difficoltà al transito di pedoni, biciclette, moto, auto.  

Il problema è che le transenne come risposta all’emergenza e il conseguente restringimento della Via Garibaldi non possono diventare  permanenti, a  danno alle attività degli esercizi pubblici, dei negozi circostanti, dei residenti in zona, dei cittadini e di tutti coloro che percorrono la Via Garibaldi per lavoro e per entrare nel Centro Storico.  

Né ci si può limitare ad una Ordinanza Sindacale Contingibile e Urgente di sei anni fa, rimasta inottemperata dal proprietario,  e ai minimi interventi di pulizia ordinati dal Comune ad  Anthea all’interno dell’immobile al n. 59 di Via Garibaldi.

Il dovere del Comune è di eliminare questo degrado in una via commerciale e frequentata del Centro Storico, come Via Garibaldi, a poche decine di metri da Piazza Tre Martiri, attuando  il Regolamento Urbanistico Edilizio (RUE) che testualmente recita:” Qualora i proprietari non provvedano, l’Amministrazione Comunale ordinerà l’esecuzione delle opere necessarie al fine del mantenimento delle condizioni di sicurezza e di decoro delle costruzioni”.

Nel caso specifico, proprio per le ragioni del pubblico interesse,  l’Amministrazione Comunale dovrebbe almeno restaurare le facciate esterne degli edifici (nell’edificio al civico 52 si trova, fra l’altro, l’unica bottega medievale superstite a Rimini!), mettere in sicurezza i cornicioni infestati dalle erbacce per ripristinare l’immagine di normalità  e il transito in questo tratto di Via Garibaldi.

Per il recupero delle spese con le sanzioni previste si potrebbe procedere al pignoramento degli immobili appartenenti al proprietario.

Senza aspettare le soluzioni dal Cielo !

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

Dopo 5 anni dalla mia Mozione, il Consiglio Comunale approva i Nuclei Cinofili della Polizia Municipale.
 
 

22.6.2018

Il Consiglio Comunale approva all’unanimità i due ODG dei Consiglieri  Renzi ed Erbetta per l’istituzione dei Nuclei Cinofili della Polizia Municipale.

Sono passati 5 anni dalla presentazione il 17.10.2013 della  Mozione  con cui chiedevo di istituire 4 Unità Cinofile della  Polizia Municipale per potenziare i servizi di sicurezza urbana, di legalità e controllo del territorio.

La Giunta Comunale aveva deliberato, dopo 4 mesi, il 4.2.2014, la costituzione del Reparto Cinofilo, con tanta pubblicità sui giornali, ma senza alcun seguito.

La Mozione del sottoscritto, discussa dopo 9 mesi, il 24.7.2014, in Consiglio Comunale, veniva comunque respinta dalla maggioranza.   

Con la successiva interrogazione consigliare del 28.4.2015 chiedevo ragione sulla mancata attuazione della Delibera e del Nucleo Cinofilo, a cui l’ass. Sadegholvaad rispondeva che la somma di 90.000 euro prevista nel Bilancio 2014 per l’acquisto dei cani era stata tagliata per altre necessità.

La verità è che mancava  la chiara e determinata volontà politica della  Amministrazione Comunale.

Altrimenti non trascorrevano invano altri 4 anni, fino alla sollecitazione  del Consigliere Erbetta, capo gruppo di Patto Civico, e del sottoscritto con la presentazione degli ODG .

Ora, grazie alla volontà condivisa del Consiglio Comunale,  l’Amministrazione Comunale deve recuperare il tempo perduto attuando la Delibera del 2014, reperendo al più presto i finanziamenti per l’acquisto dei cani, l’addestramento e la formazione dei nuclei cinofili, visto che per renderli operativi ci vuole almeno un anno.

Le modalità di impiego delle unità cinofile sono molteplici e così i vantaggi nella vigilanza dei parcheggi, parchi, giardini pubblici, nei posti di controllo stradale, nel presidio e vigilanza del nostro Centro Storico per il rispetto del Regolamento di Polizia Urbana, della sicurezza di giorno e in particolare di notte.

Inoltre, l’istituzione dei nuclei cinofili qualifica l’immagine della nostra Polizia Municipale e della nostra Città che dimostra di avere a cuore i problemi della legalità e della sicurezza.

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

Basta di spendere i soldi dei cittadini per i trattamenti preferenziali ai nomadi !
 
 

 15.6.2018

Alla mia interrogazione di ieri sera in Consiglio Comunale sui costi del “programma “ nomadi, vista la reticenza nella Delibera di Giunta, l’Ass. Lisi ha  ritenuto di rispondere alle domande.

Le casette di legno di circa 25 mq. l’una,  disponibili sul mercato, secondo le indagini della Amministrazione Comunale, rispondenti alle norme vigenti in materia di igiene e sicurezza e dotati di completi servizi igienici interni ( lavabo, wc, doccia) costano da 14 a 16.000 euro.
La spesa delle 12 casette per i sei nuclei famigliari Sinti ( 2 casette per ciascuno dei sei nuclei famigliari)  si aggira sui 190.000 euro .

I costi per l’urbanizzazione delle cinque aree, comprendenti gli allacciamenti luce, acqua, gas, fognatura, recinzione della microarea con rete e siepe continua, dotazione di area a parcheggio e area cortilizia a verde per residenti e bambini, rampe di accesso per eliminare le barriere architettoniche si aggirano dai 25.000 ai 35.000 euro l’una, da precisare successivamente, con una spesa complessiva di circa 175.000 euro .

Le estese superfici territoriali delle cinque aree previste, in Via Montepulciano di mq. 9727, via Cupa di mq. 8015, via Feleto di 2814 mq, via della Lontra mq.3341, via Orsioleto mq. 6662 , non comporterebbero l’aumento dei costi di urbanizzazione in quanto sarebbero utilizzati  solo dai 400 ai 600 mq. per nucleo nomade.

Il canone di locazione delle casette e dei terreni di proprietà comunale , con destinazione urbanistica a verde o agricola, è di 90 euro mensili, equiparato agli alloggi Edilizia Residenziale Pubblica, il cui mancato pagamento comporterà la risoluzione del contratto.

I costi previsti per l’assegnazione ai 5 Nuclei degli Alloggi di Emergenza Abitativa è di 500 euro mensili x canoni di locazione ad ACER e pagati ai privati.
Il Costo presunto dell’intervento per4/5 alloggi è di 42.000 euro.
Tutti i nuclei devono presentare  domanda di alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica.    

E’ prevista l’erogazione di contributo economico fino ad un massimo di 4.000 euro a nucleo famigliare per il reperimento di una soluzione abitativa.

 Si presuppone che a tale misura accederanno i 9 nuclei famigliari di nazionalità rumena per lasciare il campo di Via Islanda con una spesa pari a 36.000 euro.

Poi ci sono i diversi costi, previsti sui 40.000 euro  di accompagnamento del personale impiegato per sostenere la scolarizzazione, la formazione professionale, l’inserimento lavorativo, la prevenzione e tutela della salute, la promozione di stili di vita sani.

Al momento, per la chiusura del Campo di Via Islanda, il Comune di Rimini prevede di sostenere una spesa pubblica di 500.000 euro .

Dopo i 500 milioni di lire spesi nel 2000 per la chiusura del Campo di Via Portogallo con il versamento di 22 milioni di lire ad ognuna delle 23 famiglie di nomadi Rom per lasciare il campo di Via Portogallo.

Dopo le centinaia di milioni spesi ( 634 milioni di lire solo nel 1999 :190 milioni Via per Via Islanda e  444 milioni per Via Portogallo) nei decenni per acqua, luce, rifiuti, volontariato, assistenti sociali, personale del Comune, ecc.

Fino agli ultimi 33.000 euro spesi nel Marzo 2016 dal Comune  per i lavori di messa in sicurezza del Campo di Via Islanda, di competenza dei   nomadi,  ma rimasti senza rimborso e con la procedura in corso di recupero coattivo a loro carico.

Il campo illegale di Via Islanda rappresenta il fallimento del permissivismo,  dell’assistenzialismo, da parte delle  Amministrazioni Comunali  e della irresponsabilità dei nomadi !

Basta di spendere soldi pubblici per i trattamenti preferenziali ai nomadi che  nati o vissuti a Rimini dovrebbero conoscere e rispettare le regole della convivenza se vogliono integrarsi.

L’Amministrazione Comunale deve ascoltare i cittadini che protestano unanimemente contro il progetto degli insediamenti dei nomadi nella citta, preoccupati per la sicurezza e il degrado, e revocare la delibera approvata .


 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

Il ⤽fallimento⤝ della Casa dei Matrimoni di Piazzale Boscovich !
 
 

11.06.2018

Ad un anno dalla inaugurazione della “Casa dei Matrimoni” in Piazzale Boscovich,  alla luce della “sperimentazione” posso ribadire che le ragioni espresse contro  la sua realizzazione avevano fondamento.

Ricordo che l’Amministrazione Comunale ha speso 200.000 euro per il  manufatto  di circa 30 mq. con servizio igienico al suo interno  e la pedana  in legno di circa 220 mq. sulla duna adiacente e altri 18.000 euro per la tensostruttura a vela per la copertura della pedana.

La struttura con un “design” più simile ad una “biglietteria” si è dimostrata poco funzionale e  accogliente per celebrare il matrimonio , tant’è che nonostante la propaganda e la promozione turistica  pochissime coppie di sposi l’hanno utilizzata.

Infatti, nella tanto denominata “Casa dei Matrimoni” non c’è neppure   lo spazio per i matrimoni, che si tengono sulla pedana della  duna  compatibilmente con le condizioni meteo e  la copertura precaria della tensostruttura, la cui tenuta dipende dal vento e dalle continue riparazioni.

In alternativa  al progetto “infelice” di Piazzale Boscovich e per risparmiare i 220.000 euro, avevo avanzato in Consiglio Comunale  la proposta di celebrare i matrimoni nel Giardino del Grand Hotel, con una immagine più qualificante per Rimini.

La Giunta Comunale, come al solito, ha respinto la mia proposta, dicendo che era impossibile, salvo poi realizzarla due anni dopo, nell’Ottobre 2017.

Resta, quindi, un nuovo “chiosco” nel Piazzale del Molo che danneggia l’intera visuale della spiaggia e del mare, ripristinata dopo la rimozione del “tendone dei libri” che mi ha impegnato per 12 anni.

Per questo, ho chiesto al Sindaco in Consiglio Comunale, se dopo il trasferimento dei “furgoni” da Piazzale Boscovich, anche l’inutile e incompatibile chiosco della Casa dei Matrimoni non debba essere collocato altrove con destinazioni ambientali più rispettose  e con funzioni più utili.


 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
   
 

Borgo Marina ⤽zona franca⤝ per i negozi afro-asiatici che continuano tranquillamente a non pagare la Tari!
 
 

 31.05.2018

E’ arrivata la prima scadenza del pagamento della Tassa Rifiuti (TARI).

Una spesa  a carico dei 75.000 contribuenti riminesi che ammonta a  42.037.406 euro,  maggiorata per il 2018 del 2,90% per l’aumento dei costi di gestione  di 1.586.022 euro rispetto a 40.451.384 euro del 2017 .

Un costo “imposto” dall’alto (Atersir) per il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti, gestito da HERA in regime di monopolio e di “prorogatio” da 7 anni, con la Convenzione scaduta il 14.3.2011, senza  ancora la prevista gara europea per rispettare nell’affidamento le condizioni di trasparenza, efficienza, economicità, a vantaggio dei cittadini riminesi.

Resta il problema dell’insoluto TARI, previsto di 7 milioni di euro (oltre il 15%), costituito da coloro che non pagano la tassa, (principalmente  gestori di attività stagionali, alberghi, bar, ristoranti, negozi, ecc),  e la scaricano sui contribuenti onesti.

Così, a fronte dell’insoluto TARI, aumentano, tra i costi di gestione del servizio,  il Fondo Svalutazione Crediti da 1.800.000 euro a 2.980.018 euro e il CARC ( Costi di Amministrazione e Recupero Contenzioso) da 717.453 a 1.338.658 .)

In attesa di un Governo e di un Parlamento che approvino uno strumento come il DURT per non consentire le attività economiche che non pagano i Tributi comunali, l’Amministrazione Comunale deve procedere con  l’”accertamento” , la “messa a ruolo della tassa”, le  misure coattive (ingiunzioni, pignoramenti, ipoteche )  per l’incasso della tassa dovuta.

Certamente, non è più tollerabile, ad esempio, che la quasi totalità dei negozi afro-asiatici del Borgo Marina, anche se sottoposti ad accertamento, continuino tranquillamente a  non pagare la TARI e a svolgere tranquillamente la propria attività commerciale.

Sulla base della documentazione appena acquisita e aggiornata, sui 31 negozi  con insoluti TARI  per gli anni 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, a seguito dell’ “accertamento” hanno  pagato la TARI solo due negozi e limitatamente per l’anno  2014, senza i versamenti dovuti per gli altri anni.   

Nonostante siano numerosi e costosi i servizi di raccolta e smaltimento  del rifiuto da loro prodotto, superiore alla media della categoria economica di riferimento, classificata per la determinazione della tariffa.  

Per molti mesi dell’anno, tutti i giorni della settimana, passano nel Borgo Marina  il “cammion di Hera per lo svuotamento dei cassonetti ripieni di imballaggi, il cammioncino per la raccolta apposita del cartone  dai negozi, un altro cammioncino per lo svuotamento dei cestelli sui marciapiedi intasati dagli involucri di plastica.

E’ inammissibile che Il Borgo Marina sia ridotto ad una specie di “zona franca”, dove le attività commerciali dei  negozi afroasiatici insediate da 15 anni 20 anni, continuano ad essere “recidive” nel non pagare  la tassa rifiuti.

Non possiamo accettare questa “integrazione di comodo” basata solo sui diritti degli extra comunitari( sanità, scuola, case popolari), senza i doveri, senza rispetto delle regole uguali per tutti, dai negozi degli afro-asiatici ai negozi dei riminesi, sottoposti a numerose e pesanti tasse (Irpef+ addizionali regionali e comunali, IMU, Irap, Tari) al versamento dell’IVA, ai contributi INPS.

 E’ possibile fare pagare la Tari, anche  alle attività degli extra comunitari, ma ci vogliono la volontà e la determinazione della Amministrazione Comunale, per ristabilire la legalità e il principio di equità.                                 

 
  Tags:

Leggi tutto
 
   
 
 
  Comments

 
 
   BATTAGLIE DI RENZIRSS
Archivio  
  NOTIZIE RSS
Via Garibaldi: dalle “transenne” permanenti alla rimozione del degrado!
Dopo 5 anni dalla mia Mozione, il Consiglio Comunale approva i Nuclei Cinofili della Polizia Municipale.
Basta di spendere i soldi dei cittadini per i trattamenti preferenziali ai nomadi !
Il ⤽fallimento⤝ della Casa dei Matrimoni di Piazzale Boscovich !
Borgo Marina ⤽zona franca⤝ per i negozi afro-asiatici che continuano tranquillamente a non pagare la Tari!
Archivio  
  IL BLOG DI RENZI
Archivio  
   FOTO GALLERY
Archivio  
Privacy   Cookies
©copyright Gioenzo Renzi 2008