La valorizzazione dell’offerta commerciale sui Viali della Marina non può prescindere dalla riqualificazione urbana!

 4.05.2018

L’approvazione del Regolamento Comunale per la valorizzazione dell’offerta commerciale non basta,  ora deve essere attuato e fatto rispettare dai controlli della Polizia Municipale.

Come dovrebbe essere per il Regolamento di Polizia Urbana con i comportamenti vietati ( mendicanti nel Centro Storico, parcheggiatori abusivi all’Ospedale, lavavetri sulla Circonvallazione, ecc.) e con il Regolamento COSAP di occupazione del suolo pubblico senza regolari autorizzazioni.

Il Regolamento recepisce le  nostre richieste avanzate per anni partendo dall’Osservatorio del Borgo Marina: le vetrine dei negozi utilizzate come “pareti” per l’esposizione della merce rivolta all’interno e non all’esterno, gli scatoloni di cartone ripieni di merce all’ingresso e all’esterno dei negozi, la merce appesa alle serrande, i carrelli parcheggiati sui marciapiedi, riservati ai pedoni.  

Il carattere “generalista” del Regolamento con prescrizioni valide per tutto il territorio comunale è un limite che si potrebbe superare con l’approvazione dei Progetti di Area per zone urbane omogenee e con una Regolamentazione specifica di dettaglio, più compatibile con il luogo,  riguardante la dimensione degli spazi espositivi, i numeri degli espositori, dei manichini, le caratteristiche tecniche ed estetiche delle attrezzature.

I  Progetti d’Area sono previsti nel Regolamento, ma visto che i due emendamenti presentati dal Consigliere Renzi per procedere con la loro attivazione sono stati respinti ieri sera dalla maggioranza consigliare, dubito che la Giunta Comunale voglia approvarli.  

Così, la riqualificazione commerciale, dei negozi, delle vetrine,  non può prescindere da una riqualificazione  urbana complessiva a cominciare dall’arredo urbano.   

L’arredo urbano sui Viali della Marina è fatiscente o inesistente, occorrono interventi straordinari di vera e propria riqualificazione, di riprogettazione, di rifacimento e ampliamento dei marciapiedi, della illuminazione pubblica, dopo decenni di immobilismo delle Amministrazioni Comunali.

Occorrono parcheggi per cicli e moto che occupano disordinamente i marciapiedi.

Ci vuole il Regolamento dell’Arredo Urbano specifico per i Viali della Marina che ripristini la presenza del verde, disciplini la raccolta dei rifiuti, la pulizia della pavimentazione.

L’ultima operazione di restayling degna di nota, è stata quella su Viale Vespucci, 28 anni orsono, con le “ capottine” sostenute da strutture in ferro che sopravvivono o sono abbandonate dalle attività cessate, assieme alle fioriere poche e non curate.

E’ ora che l’Amministrazione Comunale faccia la propria parte !    

.

 
 

Tags: