Archivio   
   CERCA  
  RIMINI
Ascolta la canzone Rimini
di F. Bejor

clicca qui
   CONTATTI
 NEWSLETTER

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
Inserisci i tuoi dati:


Informativa sulla Privacy
Accetto
  ATTIVITA' DI RENZI
  La sua Storia
  Fratelli d'Italia Rimini
  Renzi in Comune
  Renzi in Regione
  Rassegna Stampa
  I Nostri Volantini
  Altri Documenti
  Contatti
  Links
  RSS
  Home
  APPUNTAMENTI
Banchetti: IL LUNGOMARE CHE VOGLIAMO!
Sabato 28/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazza Tre Martiri
Domenica 29/05/16 dalle ore 10.00 alle 19.00 Piazzale Boscovich 
Archivio   
  FOCUS RSS

Caso Terremerse: "Errani finanzia Errani". Dopo il mio esposto, indagato per truffa il fratello del governatore!

Servizi per il Dirirtto alla Studio Universitario: la nuova Legge della Regione, un brutto pasticcio!

Cure odontoiatriche: una vera e propria telenovela tra la chiusura e l'ottusitą della Regione e la nostra mozione
 Archivio   
  documenti trovati • pag. di 0  
  Notizie RSS
   
 

Progetto Tiberio: Piazza sull'Acqua - Passerelle "galleggianti" e "sospese"- Lavori costosi senza rispetto per l'ambiente e le mura storiche di Rimini.
 
 

07/06/2017

Sono in corso da qualche settimana i lavori al Ponte di Tiberio con la spesa di 900.000 euro riguardanti :

• la risagomatura delle due scarpate ai lati dell’invaso del Ponte per ottenere dei terrazzamenti con scavi e riporti di terra.

•  la realizzazione della Piazza sull’Acqua di fronte al bacino del Ponte che verrà pavimentata con calcestruzzo architettonico con la possibilità al centro della piazza di allestire un palco per spettacoli.

Sono d’accordo per la riqualificazione e fruibilità della zona, ma ciò non può avvenire con un intervento come  la Piazza sull’Acqua che snatura l’ambiente ,  che non rispetta la funzione idraulica di un luogo di confluenza o immissione delle acque di piena o no del fiume Marecchia.

La zona, non a caso,  è sottoposta a numerosi  vincoli e tutele.

Ci sono quelli del PAI ( Piano di Bacino per l’assetto idrogeologico) per cui non sono ammessi interventi edilizi e trasformazioni morfologiche sull’alveo storico del fiume Marecchia, e del  P.T.C.P( Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) che non consentono interventi di impermeabilizzazione oltre alla trasformazioni morfologiche di qualsiasi natura. 

C’è il PSC ( Piano Strutturale Comunale ) che individua l’area esondabile del Bacino del Ponte di Tiberio che costituisce l’ambito naturale per il deflusso delle piene con la funzione di contenimento e laminazione naturale delle stesse.

Ci sono gli studi idraulici del Prof. A. Bizzarri del 1996 e della società  Alpina Acque del 2006, consulenti incaricati dal Comune, che nelle situazioni di piena del Marecchia hanno indicato i massimi incrementi di livello proprio nel Bacino del Ponte di Tiberio dove si è registrato un sovralzo di 2,7 m. sul livello medio mare.

Basta vedere le continue variazioni del livello dell’acqua
del bacino che si verificano in conseguenza delle maree e con le mareggiate.

Ci piacerebbe conoscere il Nulla Osta idraulico
dell’Autorità competente di bacino per i lavori della Piazza sull’Acqua. 

 

 
   
 
A valle del Ponte di Tiberio, con la spesa di 900.000 euro stanno partendo altri lavori :

la realizzazione della passerella galleggiante, di collegamento tra la banchina destra e sinistra del Porto Canale ;

la realizzazione della passerella sospesa alle mura  in sponda destra del Canale tra il Corso d’Augusto e la Via Cavalieri.

Il primo progetto è “recidivo” in quanto avviene dopo lo smantellamento nel 2009 della cosiddetta “diga mobile” dell’Arch.Viganò
,  per cui ci sono voluti 10 anni e le  lotte del sottoscritto con la mozione del 11.11.999 approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale, un’opera fallimentare costata una decina di miliardi di lire, con danni al Comune sanzionati dalla Corte dei Conti.

Ora si vuole ricostruire proprio sulla preesistente e famigerata diga una passerella galleggiante lunga 36 metri ,composta da 9 piattaforme di m.4x4 ,sostenute da unità galleggianti in calcestruzzo con nucleo di polistirolo espanso e da tre grossi pontili, per riproporre il collegamento tra le banchine di destra e sinistra, ostacolando ancora la  già debole circolazione delle acque e il ricambio idrico dall’invaso del ponte al porto e viceversa, con un altro impatto sul contesto storico e ambientale

Il secondo progetto è “assurdo” in quanto prevede la realizzazione di una passerella sospesa lunga 150 m. e larghezza m2,20 in sponda destra del Canale, lato Centro Storico, forando o bucando letteralmente le antiche mura malatestiane per inserirvi 100 travi di acciaio,( una ogni m.1,5) portanti da ancorare alla soletta di cemento armato, realizzata nel 2009, appena 7-8 anni fa, sotto la via Bastioni Settentrionali per consolidare la stessa Via e le adiacenti Mura storiche del Porto Canale, al fine di non gravare in alcun modo sulle mura storiche, spendendo  allora la bellezza di 1.500.000 euro. 

Per inserire le travi portanti sarà necessario rimuovere la pavimentazione in selce, realizzare un’altra soletta di c.a. sopra quella del 2009
, riposizionare la pavimentazione esistente dopo 4 mesi circa, per consentire di verificare le dilatazioni e i successivi assestamenti delle piastre di ancoraggio delle travi di acciaio della passerella a sbalzo sulla soletta in c.a. di via Bastioni.    

Naturalmente
, oltre ai soldi già spesi e da spendere, e allo sforacchiamento delle mura malatestiane,  sarà chiusa al traffico la strada fino all’inizio del prossimo anno.

Ricordo, nell’occasione, la mozione del sottoscritto  approvata all’unanimità dal Consiglio Comunale nel 2007 che chiedeva all’A.C. di attivarsi per allargare la strettoia di Via Bastioni Settentrionali attraverso la sottoscrizione di un Accordo di Programma con i soggetti privati frontisti che si erano dichiarati disponibili.

Invece di spendere milioni di euro , in questi interventi con relativi danni, ho chiesto ieri sera in Consiglio Comunale, se  non era più utile e qualificante alzare il Ponte della Resistenza e le quote delle banchine del Porto Canale, allagate da decenni, per ottenere il nulla osta della Capitaneria di Porto e provvedere alla circolazione delle acque nell’invaso del Ponte di Tiberio e nel Porto Canale nel rispetto del contesto storico e ambientale.




Tags:
 
 
 
 
blog comments powered by Disqus
 
 
   BATTAGLIE DI RENZIRSS
Archivio  
  NOTIZIE RSS
Progetto Tiberio: la Piazza sulle Alghe.
Progetto Tiberio: Piazza sull'Acqua - Passerelle "galleggianti" e "sospese"- Lavori costosi senza rispetto per l'ambiente e le mura storiche di Rimini.
Le microaree per i nomadi sono incompatibili nelle zone residenziali. Le raccomandazioni sconcertanti dei "compagni" consiglieri all'ex Assessore Biagini, per tenerle lontane dai loro quartieri.
L'immagine turistica di Viserba penalizzata dalla concentrazione di richiedenti asilo, dei venditori abusivi e dalla vergogna dell'Albergo Aurum
GREEN IS NOT ENOUGH! Invito all'architettura: progetti per le persone dalle persone
Archivio  
  IL BLOG DI RENZI
Archivio  
   FOTO GALLERY
Archivio  
Privacy   Cookies
©copyright Gioenzo Renzi 2008